Colonne Greco/Romane e grotta di gamberetti

Vita marina mediterranea: polpo comune, cappone, flabellina lilla, ghiozzo paganello, ricciola, cernia scura, Sciarrano scrittura, salpa, Re di triglie, castagnole, paguro rugoso, murena mediterranea, scorfano, barracuda bocca gialla, Leccia, gamberetti rossi, Musdea bianca.

Sommario: Conosciuto come il “Relitto delle Colonne”, il sito di immersione delle Colonne Greche, è uno dei siti più popolari del parco marino dell’Isola Bella. Un sito che ha tutto, dal significato storico alle bellissime grotte popolate dai gamberetti! Un sito per tutti gli appassionati di diversa natura. Profondità comprese tra 12 e 30 m. Un sito particolarmente adatto per imbattersi nelle murene nascoste tra le rocce e i banchi di barracuda e ricciole che nuotano nel blu. In tale scenario vedrete le meravigliose colonne Greche di marmo bianco che sono ormai entrate a far parte del bellissimo paesaggio sottomarino. Questo è sicuramente nella lista dei desideri di ogni subacqueo che si reca a fare immersioni in questo sito.

Descrizione: Le famose colonne greche sommerse è una delle più interessanti immersioni in Sicilia. Il sito di immersione stesso si trova nella parte meridionale del Parco Marino dell’Isola Bella a Taormina. Inizierai la tua immersione nella baia che è racchiusa dal Capo Taormina e dallo scoglio del Fico d’India. Scendendo in acque poco profonde dove si è circondati dal tipico paesaggio roccioso del Mediterraneo. Circondati dalla vita acquatica e i raggi di sole che attraversano la superficie. Attraversando la baia di profondità di circa cinque metri, si scende gradualmente più in profondità fino a 12m dove si raggiunge la parete corallina di Capo Taormina. Quando raggiungi la parete, guardando nel blu si possono catturare banchi di piccole Ricciole o Barracuda. Dopodiché si può iniziare a deliziarsi gli occhi sulle bellissime pareti e fondale ricco di spugne incrostanti che si uniscono al resto della vita marina che aspetta solo di essere scoperta! E questo prima di raggiungere le colonne greche. Segue il giro di diverse pareti fino a una profondità massima di 24 m dove, a portata di mano, si trovano le colonne greche.

Così vecchie da integrarsi piacevolmente nel magico paesaggio sottomarino del Parco Marino dell’Isola Bella. Ma ancora si può distinguere il marmo a forma di cilindro delle colonne così come il marmo bianco stesso! Non puoi fare a meno di essere trasportato indietro nel tempo. Come sono arrivati lì? Molto è lasciato nel mistero. Si pensa che un cargo Greco che trasportava colonne di marmo bianco sia affondato nelle acque della baia nel III SEC ac! Il marmo bianco veniva trasportato dalle coste del Nord Africa o dalla Gracia Calcide Eubea e fosse diretto a Taormina in modo da poter costruire un tempio tra le colline. Le colonne potrebbero essere anche di origine Romana e quindi risalire al I SEC d.c

Tuttavia, il relitto è ovviamente scomparso, lasciando il carico custodito nelle acque del Capo Taormina.

Delle etichette sono state collocate su alcune colonne per indicare l’area e il suo significato storico. Dopo aver esplorato le prime colonne, si possono ammirare anche altre rovine di colonne più piccole e anche un gavitello. Tornando attraverso la baia si passa attraverso un bellissimo sifone naturale che si trova a 13 m o andare più in profondità lungo una parete scoscesa fino alla grotta dei gamberi, situata a 30 m. All’ingresso della grotta troverete delle cavità con al suo interno migliaia di gamberi che si arrampicano sulle pareti e con essi potrete anche ammirare delle Murene e Musdee bianche.

Informazioni

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email